Main menu

ID 286 - SOLUZIONI PER FORTI PENDENZE

Su un capannone industriale con copertura a doppia falda inclinata con percentuale del 50,6 %, lunghezza del colmo di 106 mt; H colmo di 12.55 mt e H gronda di 7.93 mt, vorrei installare una linea di colmo tipo flessibile Uni En Iso 795 C per lavori in trattenuta.

Premesso che l'accesso alla copertura avviene con scala alla marinara protetta e che la salita per raggiungere il colmo avviene mediante ancoraggi di tipo A1 con interasse di 200 cm; avrei bisogno di un chiarimento:Nella scheda dei criteri progettuali CR006 dl 10/06/2009, alla pag. 3 si legge che: con pendenze superiori al 50% è "SCONSIGLIATO" l'uso di dispositivi Uni En Iso di Classe C; nel capoverso successivo invece si legge che lo stesso uso sarebbe impossibile.

Alla luce di questa contraddizione, chiedo quale sia la normativa specifica che regola l'utilizzo delle linee di tipo C o D in funzione della pendenza delle falde.

 

 

RISPOSTA:

Non esiste una normativa specifica ma una valutazione circa il funzionamento corretto del sistema.
Su Una Linea fissa Tipo C UNI 11578 (la UNI EN 795 si riferisce dispositivi non fissi ma asportabili) non si possono eseguire lavori in sospensione in cui l’operatore è direttamente sostenuto dalla linea. Inoltre secondo la norma ogni volta che la linea viene sottoposta ad un arresto caduta deve essere revisionata prima di essere nuovamente utilizzata. Da questo assunto deriva che per pendenze fortemente inclinate, dove il rischio di scivolamento e caduta è assai probabile a causa della difficoltà di rimanere in piedi è sconsigliabile, se non addirittura impossibile per pendenze prossime alla verticale, il ricorso a linee orizzontali di tipo C. Gli unici dispositivi che garantiscono la possibilità di poter lavorare sostenendosi alla linea sono le linee rigide di tipo D.