Main menu

ID 189 - INTERVENTO IN COPERTURA con o senza utilizzo di canali di sfiato

in un piccolo condominio del Comune di Sesto Fiorentino (FI), i miei clienti possessori dell’appartamento all’ultimo piano e relativo sottotetto vorrebbero realizzare le seguenti lavorazioni:

Installazione di caldaia nel sottotetto e conseguente evacuazione a fumi dei due condotti (evacuazione e ripresa aria caldaia stessa) necessariamente sopra la copertura come richiesto dalla normativa attraverso la EVENTUALE realizzazione di forometria della copertura.

A oggi alla copertura si accede tramite solo un piccolo lucernario ed il tetto non è dotato di linee vita.

Mi chiedo, non essendo in preventivo opere provvisionali come ponteggi o altro da installare:

A) Sussiste l’obbligo di redigere l’elaborato tecnico della coperture e la conseguente installazione di linea vita per il tipo di intervento prospettato

B) Nel caso in cui NON sussistesse la redazione del piano e la installazione della linea vita, per lavorare in sicurezza cosa dobbiamo prevedere?Potrebbe andare bene un gancio certificato come tenuta correttamente installato con resine o altro nella falda in cemento armato dentro al sottotetto o subito fuori dal lucerario in copertura al quale possiamo attaccare un imbracatura di sicurezza dotata di un cordino retrattile con stop obbligato, riportando tale previsione nel Piano di sicurezza e Coordinamento e credo facendo verificare la tenuta da un tecnico abilitato tipo Ing. o Architetto

C) Inoltre chiedo, e’ possibile che se ci sia già in copertura un condotto preesistente da sfruttare per far passere l’evacuazione della caldaia, in quel caso non dovremo fare nessun tipo di interventi di forometria o altro se non quelli necessari al rintubaggio della canna fumaria preesistente e pertanto: mi confermate che non dovremo essere soggetti ad elaborato e conseguente linea vita ma EVENTUALMENTE solo alla redazione se corretta del gancio ( o altro da Voi consigliato) per arrivare in sicurezza al punto di lavoro?

D) un ultimo quesito che pongo visto che mi capita spesso e’ se nella stessa situazione sopra richiamata condominio con volontà di realizzare sulla copertura un apertura di tipo velux (LUCERNARIO) siamo o non siamo in generale obbligati alla redazione dell’elaborato tecnico della copertura e successiva installazione della linea vita?


RISPOSTA:

A) Sussiste l’obbligo di redigere l’elaborato tecnico della coperture e la conseguente installazione di linea vita per il tipo di intervento prospettato


L’intervento descritto se prevede un intervento in copertura di una nuova conduttura ricade nell’obbligo di redigere l’elaborato tecnico ai sensi del DPGR 75/R-2013

B) Nel caso in cui NON sussistesse la redazione del piano e la installazione della linea vita, per lavorare in sicurezza cosa dobbiamo prevedere?
Potrebbe andare bene un gancio certificato come tenuta correttamente installato con resine o altro nella falda in cemento armato dentro al sottotetto o subito fuori dal lucerario in copertura al quale possiamo attaccare un imbracatura di sicurezza dotata di un cordino retrattile con stop obbligato, riportando tale previsione nel Piano di sicurezza e Coordinamento e credo facendo verificare la tenuta da un tecnico abilitato tipo Ing. o Architetto

Indipendentemente dalla presenza o meno di un PSC l’intervento deve essere eseguito in sicurezza.
La valutazione deve essere fatta dall’impresa esecutrice ed avvallata dal coordinatore se presente o dal D.L nel caso sia assente

C) Inoltre chiedo, e’ possibile che se ci sia già in copertura un condotto preesistente da sfruttare per far passere l’evacuazione della caldaia, in quel caso non dovremo fare nessun tipo di interventi di forometria o altro se non quelli necessari al rintubaggio della canna fumaria preesistente e pertanto: mi confermate che non dovremo essere soggetti ad elaborato e conseguente linea vita ma EVENTUALMENTE solo alla redazione se corretta del gancio ( o altro da Voi consigliato) per arrivare in sicurezza al punto di lavoro?

Nel caso sia utilizzato un canale esistente non si configura nessun intervento sulla copertura e pertanto non ricade nella nell’ambito di applicazione del DPGR 75/R -2013

D) un ultimo quesito che pongo visto che mi capita spesso e’ se nella stessa situazione sopra richiamata condominio con volontà di realizzare sulla copertura un apertura di tipo velux (LUCERNARIO) siamo o non siamo in generale obbligati alla redazione dell’elaborato tecnico della copertura e successiva installazione della linea vita?

Nell’ultimo caso ricade nell’ambito di applicazione del DPGR 75/R -2013 e dovrà indicare le soluzioni necessarie a effettuare le manutenzioni sulla copertura oggetto di intervento (ovvero sul lucernario)