Main menu

PERCORSI PERMANENTI - 2016-06-15 -ID 93

Mi trovo a fare una ristrutturazione di un edificio storico in un vecchio borgo, con pianta irregolare e tetto che seppur a capanna presenta livelli diversi e posizioni del colmo decentrate, gran parte del tetto dovrà essere occupato da pannelli fotovoltaici, ho difficoltà ad individuare una posizione possibile di una finestra a tetto per l'accesso alla copertura, però la particolarità di questo fabbricato è che essendo a mezzacosta, da un lato ha la gronda della copertura a capanna è a circa 2.40 metri dal piano della strada (pedonale ) , mentre dall'altro lato è a circa 7 metri di altezza dal piano stradale. E' possibile predisporre un accesso dall'esterno lato strada pedonale che si trova ad un altezza di circa 2.40 metri ? con una scala rimovibile, predisponendo magari dei vincoli alla muratura per la scala?

 

 

Risposta:
l'art. 7 comma 2 del DPGR 75R/2013 stabilisce che : "I percorsi devono essere di tipo fisso o permanente e gli accessi devono essere di tipo fisso."
Pertanto è consentito l'adozione di una scala esterna permanente, ovvero in dotazione all'edificio, che abbia caratteristiche tali per essere utilizzata come percorso di accesso. Secondo l'art. 7 comma 3 è ammissibile infatti il ricorso a "scale portatili , costituenti dotazione permanente dell’edificio, solidamente vincolabili alla zona di sbarco e di altezza tale da sporgere a sufficienza oltre il livello di accesso, salvo che altri dispositivi garantiscano una presa sicura all’operatore.
In tali casi nell'elaborato tecnico della copertura è indicato il vano dell’edificio nel quale dette scale portatili sono custodite.