Main menu

SP 19 - Copertura a Shed

COPERTURA A SHED a doppia pendenza (20° - 45°)

 

Esistente

Non Praticabile

STATO DI FATTO

Descrizione:

Copertura a pendenza disomogenea, con aree di maggiore esigenze di accesso e transito (superfici vetrate verticali) piane e di larghezza sufficiente al passaggio di un operatore (80 cm).

Copertura NON dotata di accesso permanente.

L’altezza libera del fronte consente l’impiego di sistemi di arresto della caduta (sup. a 450 cm).

Le parti vetrate sfondabili collocate a 1 metro dal camminamento non richiedono ulteriore protezione.


Distanza minima di caduta:

Sud    Ovest    Nord     Est
7.00    6.00      6.00    7.00

N.B.
1. I lavori ad altezza  inferiore a 2.00 m di altezza non sono considerati lavori in quota
2. Le distanze sono espresse in metri

ANALISI

Caratteristiche strutturali e morfologiche della copertura

Consistenza strutturale

Pendenze

Aggravanti

COPERTURA PORTANTE

P ≥ 50%

FORTEMENTE
INCLINATE

P< 50%

INCLINATE

Dislivelli

non protetti tra falde

-

Dotazioni

   

Elementi Fissi

Manutenzioni

Camini
Sfiati
Antenne
Pannelli solari
Pannelli fotovoltaici
Finestre verticali con superfici traslucide in vetro (NON ANTISFONDAMENTO)

Frequente

Ispettiva

Contesto

   
Isolato

 

 

 

Esiti delle analisi:


Caratteristiche della copertura:

  • La copertura non è dotata di accesso permanente.
  • L’intera copertura presenta una capacità portante idonea al transito.
  • Il manto di copertura in lamiera goffrata “antisdrucciolo” è caratterizzato da buona resistenza allo scivolamento e sufficientemente ancorato al solaio.
  • La morfologia delle falde presenta una doppia inclinazione: tratto B, in sommità, coerente al transito (pendenza compresa tra 15% e 50%); tratto A, posizionata tra la superficie B e il percorso piano di transito, NON può considerarsi transitabile in funzione della sua elevata pendenza (p = 100%), è però accessibile dal basso, dal camminamento piano.
  • Le superfici vetrate, seppur sfondabili, non richiedono protezione perché posizionate a 1 metro dal camminamento.

Esigenze manutentive prevedibili:

  • Non sono previste dotazioni ed attrezzature impiantistiche in copertura.
  • Le esigenze manutentive prevedibili saranno del tipo “frequente” e derivanti da esigenze di pulizia delle ampie superfici vetrate in copertura.
  • La tipologia della manutenzione ipotizzata (l’immobile non è dotato di manuale di manutenzione) sarà del tipo ispettivo e cioè indirizzata al monitoraggio del comportamento nel tempo delle componenti edili impiegate e alla pulizia/controllo delle superfici vetrate.

Contesto:

  • La copertura in oggetto è del tipo isolato, separata da area pubblica mediante pertinenza interna di proprietà.
  • Il contesto non è condizione di rischio aggiuntivo per lavori svolti in copertura. Attività manutentive in copertura non attivano rischi all’intorno.

 

SOLUZIONE PROGETTUALE

 

 

particolare sezione:


particolare prospetto e sezione sulla passerella:
  LEGENDA
 

 
Area con prescrizioni  soggetta a rischio particolare


Area non Calpestabile


Copertura non oggetto di progettazione

   
 

 Bordi    

  Bordo Protetto (parapetto)
Bordo soggetto ad Arresto Caduta 
  Bordo soggetto a Trattenuta
Bordo raggiungibile dal basso 
  Distanza libera di caduta  (calcolata nel punto + basso)  
 

Dispositivi di Ancoraggio

   UNI 11578 UNI EN 795    
 
Linea flessibile orizzontale
tipo C

Linea flessibile orizzontale
tipo C
   
Linea verticale/inclinata rigida 
UNI 353.1
   
Linea rigida orizzontale
tipo  D 

Linea rigida orizzontale
tipo  D 
   
Linea verticale/inclinata flessibile 
UNI 353.2
    
Dispositivi di ancoraggio
tipo A 
 
Dispositivi di ancoraggio
tipo A
    
Ganci di sicurezza da tetto   
UNI 517 -Tipo A (unidirezionale)
    
Dispositivi di ancoraggio
tipo A (palo)
 
Dispositivi di ancoraggio
tipo A (palo)
   
Ganci di sicurezza da tetto   
UNI 517 -Tipo B (bidirezionale)
 

Punto di Accesso   

  INTERNO     ESTERNO
  Av con apertura verticale Ai con apertura orizzontale o inclinata   Ae esterno
 

Percorso di Accesso

 

Percorso di Transito

  Percorso verticale - scala opportunamente vincolata alla zona di sbarco     Scalini di Transito
         

 

MOTIVAZIONI - DOTAZIONI ANTICADUTA –PROCEDURE -DPI

Scelte progettuali di protezione e motivazioni:

Accesso.

Il fronte laterale cieco ed uniforme consente la collocazione di scala permanente, di larghezza 60 cm, dotata di parapetto sul lato esterno, gradini (alzata 30 cm, pedata 10 cm, inclinazione 72°) e interruzione della rampa mediante pianerottolo intermedio.

La particolarità della copertura, distinta in un coppone e quattro shed, richiede, dalla scala di accesso, la realizzazione di una passerella che consenta di raggiungere le altre componenti della copertura. La passerella è dotata di parapetto sui fronti aperti. Al fine di posizionare la scala aderente al fronte, il passaggio tra accesso verticale e passerella avviene mediante botola, munita di serratura, di dimensioni coerenti con la normativa regionale: 70 centimetri di larghezza e superficie libera dell’apertura superiore a 0,50 mq.


Sistema di protezione.

La morfologia della copertura richiede una serie di sistemi di protezione coerenti con le caratteristiche delle varie parti.

Bordi perimetrali

I due fronti lunghi, avendo coppone di altezza 100 cm, non richiedono protezione. Il bordo interessato dalla passerella è dotato di parapetto. Il bordo corto, opposto alla passerella è protetto da linea vita interrotta a 200 cm dal bordo.

Bordo interno degli shed

Al fine di consentire l’accesso alle coperture a shed e sul coppone si propone una linea flessibile da impiegare con dispositivo guidato bloccato a 4,30 m. La linea è interrotta ad almeno 2,00 m dal bordo corto. Tale soluzione consente di transitare sullo shed senza possibilità di cadere dal bordo all’interno della copertura. L’altezza dello shed (2,10 m) non consente, infatti, di impiegare nessun sistema di arresto della caduta e impone la protezione (altezza superiore a 2,00 m).

La stessa linea flessibile, utilizzata con cordino da 2,00 m, verrà usata per la manutenzione delle superfici vetrate.

Accesso alla parte alta dello shed

Lo shed si compone di una parte piana e di transito e di due superfici inclinate. La prima (tratto A) di elevata pendenza non potrà essere area di transito, ma può essere raggiunta dal tratto piano. La seconda porzione di copertura (tratto B) è transitabile ma dovrà avere accesso da scala con parapetto.


Piano di evacuazione.

Il sistema di protezione non consente la caduta, pertanto non è previsto un piano di evacuazione.

 

 

 DOTAZIONI

 

DPC 

   
Parapetto fisso     Reti di sicurezza
  Parapetto provvisorio    Ponteggio
       
 

 

Dotazioni di arresto caduta

   
 

 Linee

 

 

X  Linea orizzontale flessibile (UNI 11578 tipo C)    Linea verticale o inclinata rigida  (UNI EN 353-1)
   Linea orizzontale rigida     (UNI 11578  tipo D)    Linea verticale o inclinata flessibile (UNI EN 353-2)
   Linea orizzontale flessibile (UNI EN 795  tipo C)    
   Linea orizzontale rigida     (UNI EN 795  tipo D)    
 

Ancoraggi

   
X Dispositivo di ancoraggio (UNI 11578 tipo A)   Gancio da tetto, uni-direzionale (UNI EN 517 tipo A)
  Dispositivo di ancoraggio (UNI EN 795 tipo A)   Gancio da tetto, bi-direzionale  (UNI EN 517 tipo B)
   

DPI

   
X Imbracatura (UNI EN 361)   Cordini Lunghezza max m. _________ (UNI EN 354)
X Assorbitori di Energia  (UNI EN 355 ) Doppio Cordino  L max. 2.00 m. (UNI EN 354)
  Dispositivo anticaduta Retrattile (UNI EN 360) X Connettori (moschettoni) (UNI EN 363)
X Dispositivo anticaduta di tipo guidato  (UNI EN 353-2)    
       

Procedure e Prescrizioni

  1. La movimentazione in copertura deve avvenire mediante imbracatura agganciata con sistema di trattenuta alla linea flessibile (una per ogni shed della copertura e per il coppone di testa).
  2. Per passare da uno shed all’altro deve essere utilizzata la passerella dotata di parapetto.
  3. Per passare dal camminamento piano al tratto B dello shed dovrà essere impiegata la scala in testa e alla fine di ogni elemento.
  4. Manutenzione e ispezione sui tratti di pendenza > 45° dovrà essere effettuata dal basso dal camminamento piano.